Come in allevamento il meglio del meglio può essere peggio
2014/10/15
 
Carol Beuchat PhD

Un interessante studio è stato appena pubblicato sulla genetica del comportamento nel Malinois belga (Cao et al 2014). Si tratta di una razza da lavoro utilizzati in alcuni degli stessi ambienti di servizio come il Pastore Tedesco (ad esempio, militari, di sicurezza, ecc), per cui il comportamento è importante per la funzione della razza. I Malinois che svolgono bene il loro lavoro, con buona determinazione e iniziativa, tendono a mostrare un comportamento ripetitivo quando sono in spazi ristretti, il che è una forma di comportamento ossessivo-compulsivo. I cani che non mostrano il comportamento ripetitivo o che hanno livelli molto elevati di comportamento ripetitivo, non sono molto performanti.

Si è scoperto che un gene (Cadherin 2, CDH2, o geni nello stesso blocco genomico), che è stato collegato a un comportamento ossessivo-compulsivo sia nei dobermann che negli esseri umani, potrebbe anche essere coinvolto nella manifestazione di questi comportamenti, lavorativi e ripetitivi, nel Malinois, da inesistente a estremo. Mantenere il più utile, moderato comportamento nel Malinois belga, è un esempio di qualcosa che si chiama "bilanciamento nella selezione", in cui la condizione di eterozigosi (ad esempio, Aa) è vantaggiosa rispetto allo stato omozigote (AA o aa). (Questo è indicato anche come "sovradominanza".) Ciò significa che l'allevamento di due cani che sono grandi cani da lavoro e eterozigoti non produrrà cani migliori, perché in alcuni della prole mancheranno di determinazione e iniziativa per essere buoni cani da lavoro (AA ), mentre altri avranno una doppia dose del gene CDH2 e saranno “troppo spinti” per essere utili. Poiché i migliori cani saranno eterozigoti, la selezione tende a favorire la combinazione genetica che è la migliore combinazione tra vantaggiosa (buon lavoratore) e svantaggiosa (ripetitività moderata).

Si potrebbe avere familiarità con altri esempi di sovradominanza nei cani. Ad esempio nel Whippet, cani con una copia di un allele mutato del gene della miostatina (che è coinvolto nella funzionalità muscolare) sono significativamente più veloci rispetto ai cani con il gene normale, ma cani con due copie del gene sono più muscolosi (Mosher et al 2007). Una volta ancora, la condizione di eterozigosi è superiore a una delle opzioni omozigoti.

Un altro esempio interessante è la cresta del Rhodesian Ridgeback, che è causata da una mutazione dominante (Hillbertz et al 2007). Cani senza la mutazione non hanno la cresta, e cani con una copia della mutazione hanno la cresta dorsale tipica della razza. Tuttavia, i cani con due copie del gene sono predisposti a un disturbo congenito dello sviluppo chiamato seno dermoide. Cani senza creste sono generalmente esclusi dall'allevamento, perché questo è considerato un difetto, come lo sono quelli con seno dermoide. Quindi, di nuovo, il genotipo risultante dal fenotipo preferito è la condizione eterozigote. Ma dall'accoppiamento di due cani eterozigoti non si otterrà una cucciolata con creste migliori, ma alcuni cuccioli con creste, alcuni senza, e probabilmente alcuni che saranno afflitti da seno dermoide. (Questo è un semplice problema del quadrato di Punnett.)

Questi sono tre esempi in cui partendo dal presupposto che l'allevamento "meglio-per-meglio", non si tradurrà in "ancora meglio" a causa della mancata comprensione della genetica di base. In realtà, si può portare a rimuovere un cane dal pool genetico per una questione genetica (ad esempio, un Malinois con estrema ripetitività), quando in realtà accoppiandolo con un cane appropriato (ad esempio, un cane omozigote con basso desiderio) si otterrebbe una prole eterozigote che potrebbe avere la miscela perfetta di motivazione e di auto-controllo. Allo stesso modo, utilizzando Ridgebacks senza creste si otterranno alcuni cuccioli senza creste, ma nessun cucciolo con seno dermoide.

Con così tante razze di fronte a un crescente elenco di problemi genetici come conseguenza della continua perdita di diversità genetica, è particolarmente imprudente rimuovere dal patrimonio genetico cani che potrebbero essere utilizzati per produrre prole con il genotipo desiderato (cioè, eterozigoti per il gene di interesse) senza danni collaterali di cuccioli con fenotipi inaccettabili.

Bibliografia :

Cao X, DM Irwin, Y-H Liu, L-G Cheng, L Wang, G-D Want, & Y-P Zhang. 2014 Balancing selection on CDH2 may be related to the behavioral features of the Belgian Malinois. PLos ONE 9(10): e110075. (pdf )
Hillbertz NHCS, M Isaksson, EK Karlsson, E Hellmen, et al 2007 Duplication of FGF3, FGF4, FGF19 and ORAOV1 causes hair ridge and predisposition to dermoid sinus in Ridgeback dogs. Nature Genetics 39(11): 1318-1320.
Mosher DS, P Quignon, CD Bustamante, NB Sutter, CS Mellersh, et al. 2007 A mutation in the myostatin gene increases muscle mass and enhances racing performance in heterozygote dogs. PLoS Genetics 3: 779-786. (pdf )



http://www.instituteofcaninebiology.org/blog/how-breeding-the-best-to-the-best-can-be-worse